Tredici Atleti del VCN fra gli oltre 1.300 del Meeting Optimist del Garda

Categorie: Regate

Si è svolta a Riva del Garda dal 28 marzo al 1° aprile la 36^ edizione del Meeting Optimist, regata dei record che ha visto quest’anno la partecipazione di quasi 1.400 timonieri, dei quali 1.069 Juniores e 305 Cadetti. Ben 32 le nazioni rappresentate con due “new entry”, Giappone e Messico. Per il Varazze Club Nautico presenti 13 Atleti, nove Juniores e quattro Cadetti, agli ordini dei coach Enrico Saccucci e Matteo Pizzorno. Esordio “agonistico” per il nostro nuovo furgone, ancora molto anonimo ma che ben presto verrà identificato con i colori del Circolo e del nostro sponsor Argenta Active.

Prima giornata bagnata, con vento da sud sui 12-16 nodi che ha permesso lo svolgimento di due prove per i Cadetti, suddivisi in due batterie, e di una sola per gli Juniores, causa le procedure di partenza più complesse dovendo gestire ben sei batterie. Bene fra i più piccoli James Zanenga, che con due piazzamenti attorno al 30° si piazza in 55^ posizione, mentre Federico Bosso con due regate poco oltre la 50^ piazza è al limite del primo terzo della classifica. Più indietro Gabriele Dongilli e Irma Fedeli, classificata fra i maschi fino all’ultimo giorno . . . Con sei batterie e una sola prova disputata il buon 19° posto di Luca Riccobene si trasforma inevitabilmente in un 109 in classifica, così come il 22° di Jacopo Pinello lo pone in 127^ posizione. A seguire Lorenzo Sorrenti, Filippo Rogantin, Dario Deambrogio, Alessio Pelle, e Alessandro Bosso. Non pervenuti Edoardo Tartarini e Luca Giallanza: di fatto l’elevatissimo numero di regatanti ha inevitabilmente causato problemi nella registrazione degli arrivi e questi ultimi due verranno successivamente reinseriti in classifica, con un buon 15° per Luca.

Il vento leggero complica le cose nella seconda giornata, che vede i Cadetti terminare una prova mentre per gli Juniores alcune batterie completano una regata e altre due. Un buon 19° fa risalire James al 39° posto fra i Cadetti, mentre Federico si perde nella flotta e perde posizioni, e Gabriele e Irma confermano i risultati del giorno precedente. Ottimo 4° per Lorenzo, che risale all’87° posto e supera Luca Riccobene. Jacopo sbaglia la prova, contrariamente ad Alessandro il cui 29° posto gli consente di risalire quasi nel primo terzo della classifica. Prove incolori degli altri, con un ufd che penalizza Luca Giallanza.

Tempo variabile con pioggia al mattino alla vigilia di Pasqua, ma alla fine entra l’ora da sud e i Cadetti concludono due regate e gli Juniores che, salvo due batterie, riescono a raggiungere complessivamente quota quattro prove. James Zanenga piazza un 25° che lo pone al 50° posto, con Federico Bosso in rimonta grazie a un 16 che gli permette di scartare i tanti punti dell’85° raccolto nei giorni precedenti, entrando nei 100, con Gabriele e Irma che accumulano esperienza. Fra gli Juniores Luca Riccobene suona la carica, e con un 3° posto risale al 60° rango, mentre Lorenzo perde posizioni causa una prova attorno a un terzo della classifica. Nessun acuto per gli altri portacolori del VCN.

L’uovo di Pasqua porta la sorpresa tanto attesa: sole e vento per l’ultima giornata che consente di portare a sei le regate per entrambe le categorie. La situazione dispari delle prove non permette al Comitato di dare vita a una Gold Fleet fra gli Juniores, impedendo così di vedere i migliori confrontarsi fra loro, cosa che invece accade fra i Cadetti. James e Federico regatano contro i migliori della loro categoria, essendosi qualificati entrambi nella Gold Fleet; 25° nella prima prova, James è vittima di un inconveniente tecnico nella seconda e chiude alla fine 62° con un po’ di rimpianti, mentre Federico entra per un pelo nei 100. Gabrielino finisce nel primo terzo della Silver con Irma, alla prima esperienza in una regata così numerosa, nelle retrovie. Un ufd non aiuta Luca Riccobene, che “raddoppia” chiudendo in 124^ posizione dopo un buon meeting, seguito da Alessandro Bosso che senza acuti ma con una buona regolarità è risalito pian piano fino alla 220^ posizione. Male purtroppo nell’ultima prova Luca Giallanza, che termina così 20 posti più indietro, con Jacopo Pinelli che regata nella pria metà classifica della sua batteria, chiudendo così 274, cinque posti davanti a Lorenzo Sorrenti, che purtroppo sbaglia le due regate pasquali. Exploit di Dario Deambrogio che esordisce con un secondo posto, purtroppo vanificato dal successivo ufd, che lo porta comunque a risalire nei primi 400 dopo la partenza difficoltosa. Più indietro Edoardo Tartarini, nonostante un buon 11° nella quarta regata, Filippo Rogantin, che coglie il miglior risultato nell’ultima prova, e Alessio Pelle. Tutto sommato soddisfatto coach Saccucci, specie per i buoni risultati ottenuti in alcune prove, anche se manca ancora la costanza di rendimento.

Per la cronaca fra gli Juniores primo il Campione del Mondo 2017 Marco Gradoni, Tognazzi Marine Village, con cinque primi su sei prove, mentre fra le femmine di impone Cosima Schlüter, Berliner Yacht Club, quinta assoluta. Fra i Cadetti vince Mosè Bellomi, Fraglia Vela Riva, mentre fra le femmine si piazza prima Clara Lorenzi, Cento Nautico Bardolino, che occupa anche il gradino più basso del podio nella classifica assoluta.

Autore:Varazze Club Nautico 1919